Amministrazione trasparente   |    Contatti   |    Privacy Policy   |    Note legali   |    Elenco siti tematici   |   

STUDIARE ALL'ESTERO: UN'OPPORTUNITA' TUTTA DA SCOPRIRE

ECCO L'ESPERIENZA DELLO STUDENTE DALCERINO ALLA AMERICA HIGH SCHOOL.


Racconto  di uno studente dalcerino dell'esperienza presso l'American High School:
 
Inizio la scuola alle 7:55, ogni classe dura un ora, e finiamo alle 15:10 tutti i giorni dal lunedì al venerdì. Nei mercoledì c’è un orario diverso; nel primo mercoledì del mese iniziamo alle 10:10 e finiamo sempre alle 15:10.
Negli altri mercoledì normali iniziamo alle 8:55, questo viene chiamato “late start”.
Il classico orario sarebbe prime due classi, break di dieci minuti, altre due classi, pranzo di 40 minuti, e infine le ultime due classi fino alle 15:10.
La scuola è divisa in diverse strutture, A, B, e via così, e ogni struttura ha tra le quattro e otto classi. Al centro c’è quello che chiamano “quad”, dove la maggior parte degli studenti passa il proprio tempo nel break o pranzo. Poi c’è la palestra, dove vengono svolte partite di basketball. 
La palestra è il posto dove vengono svolte molte assemblee per tutti gli studenti, circa 2500.
Dietro alla scuola ci sono il campo da football, il campo da calcio, e il campo da baseball, nei quali si svolgono numerose partite.
Ogni ora noi studenti cambiamo classe, perciò non passiamo tutto il tempo con gli stessi compagni. Generalmente tutti hanno sei classi al giorno, ma gli studenti come me “seniors” (ultimo anno) hanno la possibilità di ritirarsi da alcune classi di cui non hanno bisogno. Con ciò intendo dire che se uno studente sta eseguendo una “art class”( la quale può essere arte, animazione 3d, pottery e via così), può ritirarsi e avere quell’ora libera. Io ad esempio non ho una seconda ora, perciò vado alla prima classe e per un’ora ho del tempo libero. In America, dipendentemente dalle classi che si seguono, si hanno pochi o tanti compiti. Se uno studente ha classi come matematica, chimica, spagnolo, inglese, biologia, e fisica, avrà sicuramente tanti tanti compiti.
Fortunatamente in America gli studenti sono liberi di scegliere le classi che vogliono, sempre però rimanendo negli standard, cioè scegliendo le classi in cui gli studenti necessitano di crediti per la graduation.
In classe i professori non spiegano per più di 20-30 minuti, e nel tempo rimanente fanno svolgere delle attività agli studenti.
Per i professori in America è molto importante il lavoro fatto in classe perchè aiuta gli studenti a fare domande in caso di dubbi, e una lezione più corta aiuta gli studenti ad avere meno cose nella testa, ma il concetto di quel poco ben chiaro.
Molte volte gli studenti non svolgono il classico test, ma  creano un poster che dovranno consegnare e  che verrà valutato come verifica. Spesso vengono svolti lavori di gruppo, e anche quel voto vale come verifica. Il professore decide se gli studenti avranno anche il compito di esporre il poster alla classe.
I professori sono molto flessibili nel settore compiti per casa. Molti ragazzi svolgono sport, iniziano subito dopo scuola, e finiscono alle 18:30 - 19:00, pertanto  a volte non riescono a completare i compiti per casa, che possono comunque  consegnare il giorno dopo.
Molti ragazzi hanno un lavoro. Sono rimasto impressionato dal fatto che  molti  ragazzi che frequentano una high-school siano anche in grado di lavorare dopo scuola fino a tarda sera, o nei fine settimana al posto di uscire con amici.
Un vantaggio che c’è qui è che quando i ragazzi non passano una classe hanno la possibilità di recuperarla con credit recovery. Quest’ultimo è un corso che si segue tutti i giorni dopo scuola fino alle 17:00, e consiste nel svolgere lezioni e test online nella classe di cui si necessita di crediti.
Io, non avendo deciso di studiare storia americana in Italia, ho dovuto seguire questo corso per otto settimane. E' stato abbastanza lungo visto che ho dovuto rinunciare alla palestra, ma è una buona opportunità  per gli studenti che possono evitare il recupero in estate.

A. B.

SABATO 02 GIUGNO 2018


Ieri mi sono finalmente diplomato, e ora sono pronto per il prossimo step. In America per diplomarsi la scuola richiede dei crediti, e per ottenere questi crediti c’è una lista di classi da prendere necessariamente. Per esempio storia americana è richiesta per un anno, inglese tutti quattro gli anni, matematica per tre anni, e via così. Sono richieste anche delle classi scientifiche, e si può scegliere tra biologia, chimica, fisica, e altre materie scientifiche che la scuola offre. Fortunatamente quando sono arrivato negli U.S avevo già la maggior parte dei crediti dalla scuola italiana, e l’unico problema era storia americana. Così ho iniziato una classe online che è durata otto settimane per recuperare il primo semestre, siccome non avevo preso storia americana, e allo stesso tempo avevo la classe di storia del secondo semestre. Sono arrivato qui il 26 luglio, e mi sembra che il tempo non sia nemmeno passato. Ricordo anni fa quando mi immaginavo come fosse tutto ciò, e come potesse accadere, ed è successo. Sono stati mesi duri; impari a crescere come persona più matura, non ci sono genitori o famiglia, metti in gioco solo te stesso, ed è dovere tuo pensare a come risolvere i problemi senza l’aiuto dei tuoi cari. Questi mesi mi hanno insegnano molto, e mi hanno fanno riflettere sull’importanza di stare accanto a chi più tiene a te. Sono partito a diciassette anni, un momento atteso da tanto tempo, volevo partire da quando ne avevo otto, e ora "l’anno" che avevo aspettato per tutto questo tempo sta per finire. Voglio ringraziare a cuore i miei genitori per avermi permesso di far tutto ciò e di arrivare fin qua oggi, senza influenzare le mie scelte. Voglio ringraziare la preside per avermi permesso di diplomarmi in America, e per avermi dato la possibilità di seguire la strada che ho deciso di intraprendere.
A. B.